Passa ai contenuti principali

Pezzetti di vita

Diciamo che,  così, di primo acchito. può sembrare che io faccia solo bijoux, per chi ama definire il tutto con la giusta parola, oppure faccia solo gioielli, come piace a me, visto il grande valore affettivo.
 Quindi creo solo e solamente degli accessori che per loro stessa definizione sono oggetti classificati come superflui....
Ma...
Il nostro lato umano ci dice sempre quanto ci piace avere del superfluo e quanto ci faccia stare bene circondarci di oggetti che in realtà non sono indispensabili per vivere.
Inoltre chi sceglie un gioiello fatto a mano, già di suo cerca qualcosa di unico e pensato per se stessa/o o per la persona a cui è destinato.
Così spesso mi rendo conto di quanto, con i miei oggetti, riesca ad entrare nella vita delle persone, nelle storie d'amicizia, di tenerezza, storie d'amore...e di quanto i miei gioielli spesso siano stati il sigillo di queste storie...
Certo una bella responsabilità.
Oggi ve ne mostro una, l'ultima, la più recente in ordine di tempo.
Richiesta da una persona che,  (detto da lei) non ama acquistare su internet...realizzato in tempo record.
A volte sorprendo anche me stessa per come, da una breve descrizione di dettagli e particolari, io riesca ormai a captare ciò che le persone desiderano, anche se sono persone, come in questo caso, con cui non ho mai avuto contatti prima.

Una breve descrizione della persona destinataria dell'oggetto, pochi aggettivi per classificarla,
la breve frase che mi è consegnata, carica di significato, e di aspettative

Riesco quasi ad emozionarmi.


La collaborazione con la mia bimba Sara che in pochi attimi crea questa meraviglia di libro...con dovizia di particolari, curatissimo nei dettagli, eh beh certo...dna e mamma ipercritica: non potrebbe essere altrimenti.


Apprezzato dal destinatario, un altro pezzetto di storie altrui scritte con un semplice gioiello.





E vi ricordo che domenica ci troverete ad Erba (Lc) per il grande evento di PrimaVeraErba




Vi aspettiamo numerosissimi!!!!!

Grazia








Commenti

  1. Davvero brave tutte e due!

    RispondiElimina
  2. Tale madre tale fijjaaaa !!!!!!!( Totti docet).....e io non tifo Roma.
    Bacioni e complimenti .
    Ciaooooo

    RispondiElimina
  3. mi piace tantissimo....brave entrambe.glo

    RispondiElimina
  4. Bello!! Sorrido perchè sto preparando anch'io dei segnalibri, per la comunione del mio cuginetto. Trovo che sia un accessorio davvero personale e speciale :-)

    RispondiElimina
  5. E allora anche la piccola Sara ha già il talento della sua mamma...complimenti ad entrambe!

    RispondiElimina
  6. Wow che bello e che brava Sara!

    RispondiElimina
  7. Sempre brava, anche nelle descrizioni!!!

    RispondiElimina
  8. a quanto ho capito il libro è in fimo. complimenti a entrambe. è bello condividere una passione.

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per il tuo commento ^_^
Ricordati di spuntare il flag "ricevi notifiche" così potrai vedere la mia risposta al tuo commento.

Rispondo sempre a tutti anche via mail perciò se non ricevi una mia risposta verifica di non essere un "noreply-blogger".

Grazia

Post popolari in questo blog

Tutorial - rivestire una pallina di polistirolo

A grande richiesta vi lascio il tutorial per rivestire una pallina di polistirolo, ho usato delle stoffe natalizie perchè è una tecnica che si presta molto alla creazione di addobbi per l'albero di Natale... naturalmente si possono usare stoffe di diversi colori, secondo quello che volete creare:D

Occorrente:
Forma in polistirolo (pallina, uovo, cuore ecc)
Stoffe di diversi colori
Cutter piccolo
Limetta per unghie
Pennarello a punta fine
Nastrini vari in tinta
Forbicine ben affilate

Con il pennarello a punta fine disegnate sulla pallina 8 spicchi, più è piccolo lo spicchio più sarà facile rivestirlo

Con il cutter incidete il polistirolo dove avete tracciato le linee, la profondità deve essere di circa 0,5 mm


Prendete una delle stoffe che avete scelto usandola in sbieco così risulterà più elastica e meglio lavorabile


Con la limetta per unghie inserite la stoffa nelle incisioni che avete fatto con il cutter

Con una forbicina ben affilata ritagliate la stoffa in eccedenza


Con la lim…

nuovo logo

Era da un po' di tempo che pensavo ad un cambiamento, ad un logo che fosse un logo vero, un logo mio, che mi rappresentasse. 
Ci sono cose che però vanno affidate a professionisti che ti guidano e ti consigliano nella scelta delle immagini e delle palette di colori. Ho deciso di lasciarmi guidare da Tatiana, @lagraficaleggera molto brava e disponibile, una vera professionista.
Lei ha ascoltato i miei racconti, ha preso nota di ciò che avevo in mente ed ha creato il mio logo scavando dentro di me cercando di captare il più possibile ciò che sono.
Mi piacerebbe descrivervi in modo profondo e pensato il sigificato della libellula, in realtà è solo la mia libellula, con tutte le sue imperfezioni, proprio quella della collana che qualcuno di voi ha amato e scelto per sé.
Abbiamo tenuto l'azzurro come base, il colore che da sempre accompagna MagikeMani e aggiunto il blu e l'oro. Il font è chiaro e ben definito.
Tutto è pronto, compreso il merchandising





Il nuovo logo lo vedete nell…

Giochi d'Insieme

Latitanza, questa è la parola chiave del mese di gennaio.
Latitanza, infatti Facebook mi ricorda sempre che le 2435 persone che seguono la mia pagina non hanno mie notizie da un po' di tempo.
Latitanza, perchè il mese di gennaio è quello del respiro.

Dopo un trimestre prenatalizio molto molto intenso un po' di respiro è necessario. E' necessario rallentare, raccogliere le idee, fare il planning per il nuovo anno, trovare la carica giusta per ripartire.

In realtà la mia latitanza è solamente sui social perchè per il resto non ho mai smesso di lavorare. Sto lavorando in un modo nuovo per creare qualcosa di nuovo non tanto nel singolo quanto nell'insieme e da qui il tito "Giochi d'insieme".

Ai giochi d'insieme non sono arrivata attraverso grandi studi o grandi progetti, ma, come sempre mi accade, ci sono arrivata per caso anzi mi ci sono trovata un po' dentro. Credo che succeda quando si lavora prima con il cuore e poi con tutto il resto, quando si a…