Passa ai contenuti principali

La storia dell'anello

Come promesso vi racconto la storia dell'anello ovvero una storia lunga 23 anni, una storia  che coincide con il nostro viaggio di nozze.
Era il lontano 1992 il nostro viaggio di nozze a Tenerife, meta, in quegli anni, di tutti coloro che non potevano permettersi costosissimi viaggi oltreoceano. Felici e beati...del resto in viaggio di nozze a 25 anni neache compiuti, come avremmo potuto essere?
Insomma nel nostro peregrinare per l'isola alla scoperta di autentiche meraviglie della natura ci siamo imbattuti  ne "La casa de los balcones" una costruzione tipica situata nel nord di Tenerife. In una stanza all'interno vendevano pietre e gioielli in olivina.
L'olivina è un minerale che si trova vicino a siti vulcanici, meglio conosciuta come peridoto. Il colore di questa pietra mi piace moltissimo così ne abbiamo acquistata una piccola piccola.
 L'idea era quella di tornar a casa e farla incastonare, ma si sa che tra l'idea, il dire e il fare..... Morale il piccolo cristallo è stato rinchiuso nel cassetto di "qualsiasicosanonsodovemetterelamettoqui" (cassetto dei ricordi) fino  a quando due settimane fa, nella mia attuale malattia incastonatrice, mi è tornata in mente.
Così ho creato questo minuscolo castone, ed attorno ho creato l'anello.

Felice, fiera, soddifatta, ecc, ecc,


Filo di rame martellato e modellato a mano,

castone fatto a mano

pietra olivina (peridoto)

mio ^_^

Buona settimana
Grazia


Commenti

  1. Grazia è stupendo questo anello così come la storia che ci hai raccontato. Ciao

    RispondiElimina
  2. L'ho visto su Instagram e sono corsa a cercare il post. I castoni sono ciò a cui mi sto maggiormente dedicando in questo periodo, quando ho visto il tuo anello ho gioito come se l'avessi fatto io... e quando ho letto la storia mi sono intenerita ancora di più!

    RispondiElimina
  3. Fantastico e quanto valore ha? Inestimabile più di ogni altra cosa!

    RispondiElimina
  4. Ciao Grazia, che bella la storia dell'anello!
    A Tenerife dovevo tornarci proprio in questo periodo, ma purtroppo per altri problemi non abbiamo potuto..ma conosco la casa che dici, amo le isole Canarie!

    RispondiElimina
  5. Stupendo! E la storia ha un sapore romantico ...e io amo il romanticismo!

    RispondiElimina
  6. Noooo ma sul serioooo??? Ok, questo lavoro è da dieci e lode, assolutamente.
    Una pietra così preziosa piena di ricordi... e un lavoro perfetto per incastonarla... sei diventata inarrestabile, ti adoro! Io non so se avrei avuto il coraggio di utilizzarla, vista la sua storia XD

    RispondiElimina
  7. Ogni cosa trova sempre, prima o poi, il posto giusto. Stupendo!
    Ciao Cristina.

    RispondiElimina
  8. Ho visto la foto su fb e ho subito amato questo anello.... ma adesso, dopo aver letto la sua storia, lo adoro ancora di più!!!

    RispondiElimina
  9. Dolce e romantico il ricordo a cui sono seguiti altrettanti momenti di gioia.
    Bello l'anello bello il racconto.
    Ciao ciao

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  11. Grande Grazia... penso all'emozione che devi aver provato nel farlo, alla paura di rovinare la pietra e alla gioia che provi nell'indossarlo. Grande!

    RispondiElimina
  12. Mamma mia che bella la vostra storia... ed è ancora più tenera per via della vostra età da novelli sposi.
    Fan sempre tenerezza gli sposi giovani.
    E quando avete acquistato quella pietra non potevate immaginare che invece saresti stata proprio tu ad incastonarla.
    Hai visto che pieghe prende la vita? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no assolutamente Chiara, allora indossavo pochissimi monili e l'idea di crearli non mi passava neppure per l'anticamera del cervello!!!!
      E' vero chi l'avrebbe mai detto

      Elimina
  13. Bello ed originale Grazia, complimenti!!

    RispondiElimina
  14. E' davvero stupendo questo anello, e sapere che la sua storia sia così bella me lo fa piacere ancora di più! :)

    RispondiElimina
  15. È molto bello questo anello....sa d'amore. Un saluto. Silvia

    RispondiElimina
  16. Che meraviglia! Spero che farai presto un corso di castonatura! Si dice così?! :-p

    RispondiElimina
  17. Sei riuscita a realizzare un sogno di gioiello, ricco di emozioni e ricordi. Bellissimo. Ely

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per il tuo commento ^_^
Ricordati di spuntare il flag "ricevi notifiche" così potrai vedere la mia risposta al tuo commento.

Rispondo sempre a tutti anche via mail perciò se non ricevi una mia risposta verifica di non essere un "noreply-blogger".

Grazia

Post popolari in questo blog

Tutorial - rivestire una pallina di polistirolo

A grande richiesta vi lascio il tutorial per rivestire una pallina di polistirolo, ho usato delle stoffe natalizie perchè è una tecnica che si presta molto alla creazione di addobbi per l'albero di Natale... naturalmente si possono usare stoffe di diversi colori, secondo quello che volete creare:D

Occorrente:
Forma in polistirolo (pallina, uovo, cuore ecc)
Stoffe di diversi colori
Cutter piccolo
Limetta per unghie
Pennarello a punta fine
Nastrini vari in tinta
Forbicine ben affilate

Con il pennarello a punta fine disegnate sulla pallina 8 spicchi, più è piccolo lo spicchio più sarà facile rivestirlo

Con il cutter incidete il polistirolo dove avete tracciato le linee, la profondità deve essere di circa 0,5 mm


Prendete una delle stoffe che avete scelto usandola in sbieco così risulterà più elastica e meglio lavorabile


Con la limetta per unghie inserite la stoffa nelle incisioni che avete fatto con il cutter

Con una forbicina ben affilata ritagliate la stoffa in eccedenza


Con la lim…

Giochi d'Insieme

Latitanza, questa è la parola chiave del mese di gennaio.
Latitanza, infatti Facebook mi ricorda sempre che le 2435 persone che seguono la mia pagina non hanno mie notizie da un po' di tempo.
Latitanza, perchè il mese di gennaio è quello del respiro.

Dopo un trimestre prenatalizio molto molto intenso un po' di respiro è necessario. E' necessario rallentare, raccogliere le idee, fare il planning per il nuovo anno, trovare la carica giusta per ripartire.

In realtà la mia latitanza è solamente sui social perchè per il resto non ho mai smesso di lavorare. Sto lavorando in un modo nuovo per creare qualcosa di nuovo non tanto nel singolo quanto nell'insieme e da qui il tito "Giochi d'insieme".

Ai giochi d'insieme non sono arrivata attraverso grandi studi o grandi progetti, ma, come sempre mi accade, ci sono arrivata per caso anzi mi ci sono trovata un po' dentro. Credo che succeda quando si lavora prima con il cuore e poi con tutto il resto, quando si a…

L'Insieme: Farfalle

Ci sono lavori che lasciano pure me così, un po' stupita, che mi fanno pensare a tutto il percorso fatto per arrivare fino a qui. Alla ricerca quasi certosina di quella perfezione ancora così lontana ma consapevole di essere ormai sulla strada giusta.
Ripenso alle millemila lame del seghetto rotte per arrivare a questo risultato, e guardo quella che uso ora che cambio solo perché è talmente usurata che non taglia più.
Guardo la mia farfalla e mi dico che, si, potrei anche prendere il volo.

Ma la collana non è sola, all'inizio dell'anno infatti vi avevo preannunciato l'arrivo delle Family o degli Insiemi ovvero creazioni che hanno lo stesso comune denominatore ma che si sviluppa su diversi gioielli una parure insomma o qualcosa di più.
Così alla collana si è aggiunto il bracciale in questo stile a schiava che mi piace tanto. Comodissimo da indossare e non togliere più Una piccola farfalla dalle sfumature rosa antico, e un castone con un piccolo quarzo rosa.
gli orecchini pe…