Passa ai contenuti principali

un ciondolo dal sapore antico

Ci sono diversi modi di unire, saldare, connettere. In questo periodo tutte le mie attenzioni vertono sulla saldatura "a caldo" che poi in gergo si chiama brasatura, ma nell'intervallo tra una saldatura (riuscita) e l'altra (da rifare) mi sono dedicata anche a quelle che si chiamano saldature "a freddo" ovvero le cold connections.
Nella lavorazione dei metalli è fondamentale conoscere questa tecnica perchè offre infinite possibilità e con un'attrezzatura minima, anzi quella di base va benissimo, possiamo unire tra loro diversi pezzi. Inoltre le cold connections in alcuni casi, rappresentano un vero e proprio decoro.

La cosa più comune a cui pensiamo quando parliamo di cold connections sono sicuramente i rivetti anzi meglio ancora i ribattini. Ci sono già pronti in commercio ma volete mettere la soddisfazione di farseli da soli? Basta  poco: filo di rame, morsa, martello.

E poi accanto ai rivetti ci sono le vere e proprie incastonature di pietre e cabochon e l'unica cosa che vi servirà oltre la vostra attrezzatura di base sarà un seghetto da traforo.

Chi mi segue ha già visto questo ciondolo...il mio dubbio amletico era come rifinire: cordino o catena?

Ho scelto un cordino scamosciato grigio e sono soddisfatta perchè il cordino smorza i toni importanti del ciondolo che sembra quasi un antico gioiello bizantino.

Ottone similoro traforato a croce medievale, ogni braccio della croce ha una diversa texture. Al centro una bella ametista trattenuta da "graffette"

Sul retro vicino alla chiusura la catenella lavorata a mano permette di regolarne la lunghezza.

Gia disponibile su ALM

buona settimana
Grazia


Commenti

  1. Che bei lavori che stai realizzando! io ci provo ma non riesco a ricavare un ragno dal buco :( Complimenti! un abbraccio, Manu

    RispondiElimina
  2. Avevo già potuto ammirare questo meraviglioso gioiello su fb...ora completato ha un fascino veramente tutto suo...sembra realmente un gioiello di altri tempi!

    RispondiElimina
  3. bellissimo questo ciondolo e tutte le soluzioni che hai trovato! mi piace davvero moltissimo!

    RispondiElimina
  4. Rimanda devvero ad altri tempi, mi piace molto! Brava :-)

    RispondiElimina
  5. Brava, in tutto ciò che fai!

    RispondiElimina
  6. Delizioso! E poi l'ametista è proprio uno dei miei colori, questo ciondolo mi ha conquistata!
    Un bacione
    Babi

    RispondiElimina
  7. Molto etnico ma bello, brava...un bacione

    RispondiElimina
  8. Più lo guardo e più mi piace!
    Un lavoro magnifico, pulito, elegante e con questo richiamo all'antico che sai benissimo quanto mi piace**
    Davvero, ormai sei strepitosa ♡

    RispondiElimina
  9. Mi piacciono i sapori antichi.
    Mi piace l'acostamento dei toni.
    Brava.
    Un baciotto

    RispondiElimina
  10. ho perso una c............
    l'accostamento dei toni...

    RispondiElimina
  11. Le tue idee mi colpiscono sempre, manco da un po' e spero di riuscire di nuovo a dedicarmi ai blog amici. A presto. Ely

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per il tuo commento ^_^
Ricordati di spuntare il flag "ricevi notifiche" così potrai vedere la mia risposta al tuo commento.

Rispondo sempre a tutti anche via mail perciò se non ricevi una mia risposta verifica di non essere un "noreply-blogger".

Grazia

Post popolari in questo blog

Tutorial - rivestire una pallina di polistirolo

A grande richiesta vi lascio il tutorial per rivestire una pallina di polistirolo, ho usato delle stoffe natalizie perchè è una tecnica che si presta molto alla creazione di addobbi per l'albero di Natale... naturalmente si possono usare stoffe di diversi colori, secondo quello che volete creare:D

Occorrente:
Forma in polistirolo (pallina, uovo, cuore ecc)
Stoffe di diversi colori
Cutter piccolo
Limetta per unghie
Pennarello a punta fine
Nastrini vari in tinta
Forbicine ben affilate

Con il pennarello a punta fine disegnate sulla pallina 8 spicchi, più è piccolo lo spicchio più sarà facile rivestirlo

Con il cutter incidete il polistirolo dove avete tracciato le linee, la profondità deve essere di circa 0,5 mm


Prendete una delle stoffe che avete scelto usandola in sbieco così risulterà più elastica e meglio lavorabile


Con la limetta per unghie inserite la stoffa nelle incisioni che avete fatto con il cutter

Con una forbicina ben affilata ritagliate la stoffa in eccedenza


Con la lim…

Giochi d'Insieme

Latitanza, questa è la parola chiave del mese di gennaio.
Latitanza, infatti Facebook mi ricorda sempre che le 2435 persone che seguono la mia pagina non hanno mie notizie da un po' di tempo.
Latitanza, perchè il mese di gennaio è quello del respiro.

Dopo un trimestre prenatalizio molto molto intenso un po' di respiro è necessario. E' necessario rallentare, raccogliere le idee, fare il planning per il nuovo anno, trovare la carica giusta per ripartire.

In realtà la mia latitanza è solamente sui social perchè per il resto non ho mai smesso di lavorare. Sto lavorando in un modo nuovo per creare qualcosa di nuovo non tanto nel singolo quanto nell'insieme e da qui il tito "Giochi d'insieme".

Ai giochi d'insieme non sono arrivata attraverso grandi studi o grandi progetti, ma, come sempre mi accade, ci sono arrivata per caso anzi mi ci sono trovata un po' dentro. Credo che succeda quando si lavora prima con il cuore e poi con tutto il resto, quando si a…

Info post: aprire un negozio on-line Artesanum

Mi capita spesso di avere tra le mail delle richieste d'informazione per quanto riguarda i negozi on-line, negozi specifici per l'hand made, negozi che possono raccogliere le nostre creazioni destinate alla vendita. Questi negozi stanno spuntando come i funghi...vorremmo la ricetta magica del negozio che vende di più, beh quella non esiste ma con qualche accorgimento possiamo avere dalle nostre vetrine virtuali delle belle soddisfazioni.  Dunque dicevo che questi negozietti stanno spuntando come i funghi e la tentazione di aprirne tanti per avere sempre maggiore visibilità è davvero forte...

Ma.... Si c'è un ma: tenete conto che avere una vetrina on-line richiede tempo, perciò valutate bene quanto tempo avete da dedicare ad ogni vetrina. Ricordate che le nostre vetrine virtuali vanno trattate anche meglio di quelle reali, devono essere curate e tenute bene...ripulite e spolverate.  Ricordate che chi acquista on-line deve avere un'impressione ottima delle vostre creazioni, …