Passa ai contenuti principali

Ciondolo dal sapore antico

Sul dizionario della lingua italiana la definizione di autodidatta è chiara:

 "Chi si è dato una cultura o un’istruzione senza frequentare la scuola e senza l’aiuto di insegnanti."

Quindi definirsi oggi autodidatti è un po' difficile: anche se non si è frequentata una scuola e non si ha avuto l'aiuto di insegnanti reali basta accendere il pc, inserire la parolina magica ed ecco che un meraviglioso mondo di scuole ed insegnanti appare li sul nostro schermo, certo chi più valido, chi meno.
Diciamo allora che si tratta di materie "diversamente insegnate" e "diversamente apprese".
Come ho detto spesso non è facile perchè cercarsi le informazioni da soli implica cocciutaggine e testardaggine, credere in quello che si vuole fare ed imparare. Cadere per le sconfitte ma sapere rialzarsi e ricominciare ancor più carichi di prima, essere sempre alla ricerca  del miglioramento.
Finora ho imparato così...ma...
ma arriva un momento in cui senti il bisogno di avere un insegnante vero, un maestro da ammirare, una persona da cui apprendere con una grande carica di umanità, con la voglia di trasmettere e condividere ciò che ha imparato e ciò che sa, una persona che abbia l'intelligenza di capire che chi impara non ti porta via il lavoro ma lo valorizza, capisce il significato e da un significato a tutto ciò che fai.
Così oggi ho fatto il mio primo corso, con il mio primo maestro orafo artigiano una bellissima persona, con una pazienza infinita che ci ha aiutato a capire, imparare, entrare nei dettagli, conoscere nuovi fantastici strumenti lontani dalle nostre "scorciatoie elettriche".

Così ho passato la mia giornata con traforo e lima tra le mani e questo è quello che ne è uscito...

Un ciondolo in ottone di lamina di 1 mm di spessore tutta lavorata a traforo

E la chicca dell'incastonatura di questo  cabochon in vetro

Certo siamo mooolto lontani dalla perfezione, bisogna lavorare ancora un bel po' di lima....ma sono troppo troppo soddisfatta.

Grazie al mio maestro Antonio Migliozzi

Buona settimana

Commenti

  1. Davvero bellissimo, chissà che esperienza meravigliosa è stata!
    E che emozione!
    Hai fatto benissimo ad affidarti alle mani esperte di un vero orafo, chissà quante cose imparerai**!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Marty davvero emozionante...Spero di imparare, purtroppo ci si scontra sempre con le cose pratiche: leggi attrezzatura inadatta :(

      Elimina
  2. Entusiasmante e rassicurante imparare da chi conosce bene il mestiere, ma non mi dire che rinunci alla ricerca!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mai rinunciare alla ricerca!!!! Quella fa parte di me, del mio essere curiosa e "assetata" di dettagli ;)

      Elimina
  3. Un'esperienza che mi piacerebbe fare perché sono tante e troppe le mie lacune.Ciondolo meraviglioso...comunque secondo me eri bravissima anche senza maestro.

    RispondiElimina
  4. Che splendida esperienza è stata! Io ho sempre pensato che internet, come dici tu, è una via che ti consente di fare molto, di imparare tanto, ma alle cose "diversamente apprese" c'è un limite, che può essere oltrepassato solo grazie a chi ti insegna con amore e con passione, e non certo attraverso uno schermo.
    Un bacio grande
    Babi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si purtroppo (o per fortuna) la tecnologia non può darti umanità e passione....

      Elimina
  5. ahahah "diversamente apprese" mi ha fatto morire :D
    Tornando serie... approvo la tua decisione di fare il corso (anche perchè) questo ciondolo è veramente meraviglioso!!

    RispondiElimina
  6. Che meraviglia!! Imbocca al lupo per questa bellissima esperienza.
    Ciao Cristina

    RispondiElimina
  7. Che belle parole! Che saggezza! Lei ha ragione: è questo un insegnante, un VERO insegnante, un docente, così come l'etimologia latina spiega... solo è difficile trovarne, molto. Complimenti per il ciondolo. Io, da umile profana, difetti non ne vedo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille troppo gentile, ma diamoci pure del "tu"

      Elimina
  8. Bravissima, un bel lavoro già bello così, ma so che arriverai quasi alla perfezione col tempo e solo perchè la perfezione non può esistere nei lavori manuali ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Antonella per le tue belle parole...mi impegnerò promesso!!!

      Elimina
  9. Complimenti Grazia! davvero bello!!!

    RispondiElimina
  10. Bravissima, è un gioiello prezioso. Sei stata bravissima. Mi piace molto anche quello del post precedente. Ely

    RispondiElimina
  11. Un risultato eccellente! E mi ha colpita tantissimo la soluzione del castone. Sapessi quante volte ho cercato dalle mie parti un corso del genere... ma niente. Credo proprio che le tue capacità unite all'apprendimento dei trucchi del mestiere saranno un mix esplosivo :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per il tuo commento ^_^
Ricordati di spuntare il flag "ricevi notifiche" così potrai vedere la mia risposta al tuo commento.

Rispondo sempre a tutti anche via mail perciò se non ricevi una mia risposta verifica di non essere un "noreply-blogger".

Grazia

Post popolari in questo blog

Tutorial - rivestire una pallina di polistirolo

A grande richiesta vi lascio il tutorial per rivestire una pallina di polistirolo, ho usato delle stoffe natalizie perchè è una tecnica che si presta molto alla creazione di addobbi per l'albero di Natale... naturalmente si possono usare stoffe di diversi colori, secondo quello che volete creare:D

Occorrente:
Forma in polistirolo (pallina, uovo, cuore ecc)
Stoffe di diversi colori
Cutter piccolo
Limetta per unghie
Pennarello a punta fine
Nastrini vari in tinta
Forbicine ben affilate

Con il pennarello a punta fine disegnate sulla pallina 8 spicchi, più è piccolo lo spicchio più sarà facile rivestirlo

Con il cutter incidete il polistirolo dove avete tracciato le linee, la profondità deve essere di circa 0,5 mm


Prendete una delle stoffe che avete scelto usandola in sbieco così risulterà più elastica e meglio lavorabile


Con la limetta per unghie inserite la stoffa nelle incisioni che avete fatto con il cutter

Con una forbicina ben affilata ritagliate la stoffa in eccedenza


Con la lim…

nuovo logo

Era da un po' di tempo che pensavo ad un cambiamento, ad un logo che fosse un logo vero, un logo mio, che mi rappresentasse. 
Ci sono cose che però vanno affidate a professionisti che ti guidano e ti consigliano nella scelta delle immagini e delle palette di colori. Ho deciso di lasciarmi guidare da Tatiana, @lagraficaleggera molto brava e disponibile, una vera professionista.
Lei ha ascoltato i miei racconti, ha preso nota di ciò che avevo in mente ed ha creato il mio logo scavando dentro di me cercando di captare il più possibile ciò che sono.
Mi piacerebbe descrivervi in modo profondo e pensato il sigificato della libellula, in realtà è solo la mia libellula, con tutte le sue imperfezioni, proprio quella della collana che qualcuno di voi ha amato e scelto per sé.
Abbiamo tenuto l'azzurro come base, il colore che da sempre accompagna MagikeMani e aggiunto il blu e l'oro. Il font è chiaro e ben definito.
Tutto è pronto, compreso il merchandising





Il nuovo logo lo vedete nell…

Giochi d'Insieme

Latitanza, questa è la parola chiave del mese di gennaio.
Latitanza, infatti Facebook mi ricorda sempre che le 2435 persone che seguono la mia pagina non hanno mie notizie da un po' di tempo.
Latitanza, perchè il mese di gennaio è quello del respiro.

Dopo un trimestre prenatalizio molto molto intenso un po' di respiro è necessario. E' necessario rallentare, raccogliere le idee, fare il planning per il nuovo anno, trovare la carica giusta per ripartire.

In realtà la mia latitanza è solamente sui social perchè per il resto non ho mai smesso di lavorare. Sto lavorando in un modo nuovo per creare qualcosa di nuovo non tanto nel singolo quanto nell'insieme e da qui il tito "Giochi d'insieme".

Ai giochi d'insieme non sono arrivata attraverso grandi studi o grandi progetti, ma, come sempre mi accade, ci sono arrivata per caso anzi mi ci sono trovata un po' dentro. Credo che succeda quando si lavora prima con il cuore e poi con tutto il resto, quando si a…