Passa ai contenuti principali

Fold forming - collana blu

Ci ho messo un po' ad arrivare al fold forming, si, perchè le forme tridimensionali da portare al collo non mi fanno impazzire. Ma ci sono arrivata, un po' per forza, un po' per dovere, consapevole che se uno decide di esplorare un mondo lo deve fare fino in fondo.
Creare un pezzo a fold forming non è semplice, diffidate dai video che vi fanno vedere il metallo che in un attimo prende la forma. Tante sono le cose da capire: che tipo di martello usare, come martellare, con quale intensità e che direzione dare alle nostre martellate. Per questo consiglio sempre di cominciare con una buona forgiatura che (a parte che il rame forgiato mi piace moltissimo) è un ottimo allenamento per arrivare al fold forming vero e proprio.
Il ciondolo inserito in questa collana è stato  un bel po' di tempo sul mio tavolo in attesa di una location soddisfacente e poi come succede spesso in un attimo arriva l'idea, quella giusta che ti soddisfa, complice sicuramente la patinatura blu che ne addolcisce tratti e lineamenti e che si sposa a meraviglia con le piccole perline di giada.


IL ciondolo in rame lavorato a fold forming, patina blu creata con ammoniaca e gessetti, nasconde un piccolo tesoro una fila di perline di giada.

La catena è formata da link in rame argentato lavorata interamente a mano con la tecnica wire wrapping.

E siccome adoro le asimmetrie una parte di catena è formata da cerchietti in rame creati con uno spesso filo da 2 mm e patinati.

La chiusura a T è formata da un cerchio di rame embossato

Ancora una volta un mix di tante tecniche per non annoiarsi mai :)

Prestissimo nei negozi online
Buona settimana

Grazia


Commenti

  1. Un'altra meravigliosa creazione!

    RispondiElimina
  2. Il fold forming è un passo importante, complimenti!

    RispondiElimina
  3. Io invece adoro le forme tridimensionali, stimolano il mio "fare".
    Sul F-F c'è da lascirci le mani e la testa.....tanto c'è da imparare.
    Ccomunque te la sei cavata direi piuttosto bene ehhhhhh!!!!
    Baciotti e buona settimana,
    Ciaooooo

    RispondiElimina
  4. La penso come te sulle collane tridimensionali... ma hai trovato un buon compromesso mi pare!

    RispondiElimina
  5. Favoloso!
    Brava Grazia, io invece adoro le forme 3d ovunque XD
    Bellissima e curatissima la collana, ottimo lavoro!

    RispondiElimina
  6. Ottimo risultato direi!!! Io sto cercando di avvicinarmi al fold forming mooooolto lentamente. ..per ora il mio tempo libero è indirizzato al wire wrapping...ma questa tecnica mi affascina molto e ho visto sul web meravigliose creazioni che combinavano insieme le due tecniche e il risultato era strepitoso! !!

    RispondiElimina
  7. Brava Grazia, sempre idee in evoluzione qui!
    bacione

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per il tuo commento ^_^
Ricordati di spuntare il flag "ricevi notifiche" così potrai vedere la mia risposta al tuo commento.

Rispondo sempre a tutti anche via mail perciò se non ricevi una mia risposta verifica di non essere un "noreply-blogger".

Grazia

Post popolari in questo blog

Tutorial - rivestire una pallina di polistirolo

A grande richiesta vi lascio il tutorial per rivestire una pallina di polistirolo, ho usato delle stoffe natalizie perchè è una tecnica che si presta molto alla creazione di addobbi per l'albero di Natale... naturalmente si possono usare stoffe di diversi colori, secondo quello che volete creare:D

Occorrente:
Forma in polistirolo (pallina, uovo, cuore ecc)
Stoffe di diversi colori
Cutter piccolo
Limetta per unghie
Pennarello a punta fine
Nastrini vari in tinta
Forbicine ben affilate

Con il pennarello a punta fine disegnate sulla pallina 8 spicchi, più è piccolo lo spicchio più sarà facile rivestirlo

Con il cutter incidete il polistirolo dove avete tracciato le linee, la profondità deve essere di circa 0,5 mm


Prendete una delle stoffe che avete scelto usandola in sbieco così risulterà più elastica e meglio lavorabile


Con la limetta per unghie inserite la stoffa nelle incisioni che avete fatto con il cutter

Con una forbicina ben affilata ritagliate la stoffa in eccedenza


Con la lim…

nuovo logo

Era da un po' di tempo che pensavo ad un cambiamento, ad un logo che fosse un logo vero, un logo mio, che mi rappresentasse. 
Ci sono cose che però vanno affidate a professionisti che ti guidano e ti consigliano nella scelta delle immagini e delle palette di colori. Ho deciso di lasciarmi guidare da Tatiana, @lagraficaleggera molto brava e disponibile, una vera professionista.
Lei ha ascoltato i miei racconti, ha preso nota di ciò che avevo in mente ed ha creato il mio logo scavando dentro di me cercando di captare il più possibile ciò che sono.
Mi piacerebbe descrivervi in modo profondo e pensato il sigificato della libellula, in realtà è solo la mia libellula, con tutte le sue imperfezioni, proprio quella della collana che qualcuno di voi ha amato e scelto per sé.
Abbiamo tenuto l'azzurro come base, il colore che da sempre accompagna MagikeMani e aggiunto il blu e l'oro. Il font è chiaro e ben definito.
Tutto è pronto, compreso il merchandising





Il nuovo logo lo vedete nell…

Giochi d'Insieme

Latitanza, questa è la parola chiave del mese di gennaio.
Latitanza, infatti Facebook mi ricorda sempre che le 2435 persone che seguono la mia pagina non hanno mie notizie da un po' di tempo.
Latitanza, perchè il mese di gennaio è quello del respiro.

Dopo un trimestre prenatalizio molto molto intenso un po' di respiro è necessario. E' necessario rallentare, raccogliere le idee, fare il planning per il nuovo anno, trovare la carica giusta per ripartire.

In realtà la mia latitanza è solamente sui social perchè per il resto non ho mai smesso di lavorare. Sto lavorando in un modo nuovo per creare qualcosa di nuovo non tanto nel singolo quanto nell'insieme e da qui il tito "Giochi d'insieme".

Ai giochi d'insieme non sono arrivata attraverso grandi studi o grandi progetti, ma, come sempre mi accade, ci sono arrivata per caso anzi mi ci sono trovata un po' dentro. Credo che succeda quando si lavora prima con il cuore e poi con tutto il resto, quando si a…