Passa ai contenuti principali

e patina sia!

Il gioco delle patine è bello, soddisfacente e molto divertente perchè si sa i colori fanno parte della nostra vita e ci sono momenti in cui abbiamo una grande voglia di colore.
Ma chi ha "giocato" con le patine sa che ci sono anche problemi da affrontare e piccole delusioni sempre dietro l'angolo che bisogna sempre essere pronti ad affrontare.
Così in questa calda (se pur rinfrescata) serata estiva vi voglio raccontare le mie patine.
La patina è una trasformazione che subisce il metallo (nel mio caso il rame) e si può sviluppare in diversi modi:
 

Ci sono le patine "a caldo" ovvero quelle ottenute scaldando il pezzo sul fuoco. Le sfumature che solitamente si ottengono vanno dai colori dell'arcobaleno fino ad un grigio piombo se si scalda il pezzo fino a farlo diventare rovente,  passando per tutta una serie di arancioni...e per le variazioni basta immergere il pezzo rovente in acqua fredda e ammirare il risultato.

Poi ci sono le patine da "reazione chimica" ovvero quelle ottenute con sostanze, acide ed aggressive che aggiunte al "potere" del sale creano meraviglie...basta svuotare l'armadietto dei detergenti-detersivi-pulenti aggiungendo limone e aceto sale e ammoniaca.

Oppure ci sono le patine ottenute con i colori (smalti , pastelli a cera, colori a caldo e a freddo) che vengono applicate sopra al pezzo e creano un bel colore.
E qui potete scatenare la vostra fantasia!!!!

Le patine che preferisco sono quelle al punto due ottenute con sale ed ammoniaca, mi piace scoprire ogni volta un colore sempre nuovo, una patina che prende le forme ed i toni  più svariati sempre però rimanendo sulla tinta verde-turchese-azzurro-blu. La mia necessità era quella di creare altre sfumature di colore. Come dicevo in questo post mi serviva qualcosa di leggero come polvere, che si adagiasse sulla patina e si unisse a lei.

Ho pensato ai gessetti...esatto i gessetti colorati quelli per scrivere sulle, ormai jurassiche, lavagne nere. Una passata di gessetto sopra la patina e vi ritrovate i colori che vi avevo mostrato qui...
Una cosa semplice, funzionale, economica,  un'idea in piu'...  che funziona.

Una spruzzata di vernice acrilica e....patina sia!!!!

ciao 
Grazia


ps.:Qualunque patina scegliete di provare ricordatevi di rispettare le norme di sicurezza che sono molto molto importanti

ps.1: Queste sono le patine che ho provato io...i miei studi credo che siano arrivati al 10%...c'è ancora tanto da scoprire!!!

Commenti

  1. E brava la nostra furbetta!!!!
    Abbiamo già risolto-
    Baciotti tanti tanti.
    Cinzia

    RispondiElimina
  2. post molto interessante :) grazie! Un abbraccio,Manu

    RispondiElimina
  3. Davvero interessante questo uso dei gessetti :)

    RispondiElimina
  4. Ingegnosa!!! Molto molto interessante! Bello da parte tua condividere le tue scoperte!
    Baci
    Gio

    RispondiElimina
  5. Ma le inventi tutte Grazia, bravissima, apprezzo molto la fantasia e la creatività!!
    Buon fine settimana
    Carmen

    RispondiElimina
  6. Mi accorgo solo adesso che abbiamo postato entrambe sullo stesso argomneto, e il tuo post era precedente al mio di stamattina... mi spiace tanto grazia, avrei evitato se me nefossi accorta. Ci ho anche messo un secolo a decidermi a scrivere qualcosa e guarda qui...
    Interessantissimo il dscorso dei gessetti, grazie mille, e ancora scusa,
    Alessia

    RispondiElimina
  7. Sono contenta che tu abbia condiviso queste informazioni. Ely

    RispondiElimina
  8. davvero interessante, mia cara!

    RispondiElimina
  9. Interessante sperimentazione! Buona serata...

    RispondiElimina
  10. Adoro le patine, ma io uso solo quelle liquide.
    Fantasy Jewellery

    RispondiElimina
  11. anche io avevo pensato ai gessetti e ai colori a cera! non mi ritrovo a maneggiare con acidi e soluzioni chimiche .. ho sempre il timore che siano pericolose... così sono andata in cerca di qualcosa di "naturale" per le mie creazioni! sicuramente le patine verderame hanno qualcosa in più ma anche quelle ottenute con questi colori non mi dispiacciono!

    RispondiElimina
  12. Bella inventiva la storia dei gessetti! E da come vedo anche il tuo andare con le scoperte e esperimenti ti appassiona e mi incuriosisce! Grazie per il tuo condividere con noi "le ricette" è di questo ti apprezzo tantissimo! Buona Estate colorata cara Grazia!

    RispondiElimina
  13. Trovo che sia davvero generoso da parte tua condividere le tue conoscenze con chi, come me, non saprebbe proprio che pesci pigliare^^ grazie, davvero tante tante tante grazie!!! Un bacione<3

    RispondiElimina
  14. Ciao Grazia, sono d'accordo con Dyl è davvero generoso da parte tua condividere le tue scoperte. Non è da tutti oggigiorno condividere con gli altri ciò che faticosamente si è appreso. Mi ero fatta un'idea sull'ingrediente misterioso per fare la patina arancione....era sbagliato ovviamente....avevo pensato alla polvere di paprika perchè quando la uso in cucina mi lascia molto colore sulle mani.

    RispondiElimina
  15. La prima che descrivi è l'ossidazione io l'ho raccontata come possibile esperimento e il mio ragazzo dice che è una cavolata perché l'ossido che si forma si appiccica alla pelle e lo toglie. effettivamente il rame è così, invecchia naturalmente col tempo, neanche con troppo tempo, e l'acidità della pelle può togliere l'ossido creato col tempo e forse ma non è detto, ricrearlo a sua volta! più li porti gli oggetti addosso e più si schiariscono, è questo il bello del metallo no? poi su anelli fini non vale la pena riscaldarli altrimenti diventerebbero troppo duttili e si deformerebbero con la trazione ma sulle lastre va benissimo riscaldare perché sono spesse e resistenti!
    Per quanto rigurarda la vernice acrilica, io tanti anni fa a scuola avevo provato a usare i colori a tempera e poi una passata di vernice acrilica ma si è scrostato -_- forse è colpa delle tempere gli acrilici sono migliori ma costosi! la vernice acrilica che si possa aggrappare al metallo è vero ma che possa proteggerlo non lo so, dopotutto crea la ruggine il rame!
    grasso e polvere sui metalli non attaccano di loro ma se sommersi dalla vernice si! io non sono esperta di vernici e smalti su metalli, ma c'è veramente tanto da sapere :-D
    Invece mi ispirano moltissimo le patine a reazione chimica e i colori per metallo che già ci sono in commercio!
    Costeranno molto ma quello che creano gli altri è già studiato e sperimentato

    ciao e buona giornata

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per il tuo commento ^_^
Ricordati di spuntare il flag "ricevi notifiche" così potrai vedere la mia risposta al tuo commento.

Rispondo sempre a tutti anche via mail perciò se non ricevi una mia risposta verifica di non essere un "noreply-blogger".

Grazia

Post popolari in questo blog

Tutorial - rivestire una pallina di polistirolo

A grande richiesta vi lascio il tutorial per rivestire una pallina di polistirolo, ho usato delle stoffe natalizie perchè è una tecnica che si presta molto alla creazione di addobbi per l'albero di Natale... naturalmente si possono usare stoffe di diversi colori, secondo quello che volete creare:D

Occorrente:
Forma in polistirolo (pallina, uovo, cuore ecc)
Stoffe di diversi colori
Cutter piccolo
Limetta per unghie
Pennarello a punta fine
Nastrini vari in tinta
Forbicine ben affilate

Con il pennarello a punta fine disegnate sulla pallina 8 spicchi, più è piccolo lo spicchio più sarà facile rivestirlo

Con il cutter incidete il polistirolo dove avete tracciato le linee, la profondità deve essere di circa 0,5 mm


Prendete una delle stoffe che avete scelto usandola in sbieco così risulterà più elastica e meglio lavorabile


Con la limetta per unghie inserite la stoffa nelle incisioni che avete fatto con il cutter

Con una forbicina ben affilata ritagliate la stoffa in eccedenza


Con la lim…

Info post: aprire un negozio on-line Artesanum

Mi capita spesso di avere tra le mail delle richieste d'informazione per quanto riguarda i negozi on-line, negozi specifici per l'hand made, negozi che possono raccogliere le nostre creazioni destinate alla vendita. Questi negozi stanno spuntando come i funghi...vorremmo la ricetta magica del negozio che vende di più, beh quella non esiste ma con qualche accorgimento possiamo avere dalle nostre vetrine virtuali delle belle soddisfazioni.  Dunque dicevo che questi negozietti stanno spuntando come i funghi e la tentazione di aprirne tanti per avere sempre maggiore visibilità è davvero forte...

Ma.... Si c'è un ma: tenete conto che avere una vetrina on-line richiede tempo, perciò valutate bene quanto tempo avete da dedicare ad ogni vetrina. Ricordate che le nostre vetrine virtuali vanno trattate anche meglio di quelle reali, devono essere curate e tenute bene...ripulite e spolverate.  Ricordate che chi acquista on-line deve avere un'impressione ottima delle vostre creazioni, …

L'Insieme: Farfalle

Ci sono lavori che lasciano pure me così, un po' stupita, che mi fanno pensare a tutto il percorso fatto per arrivare fino a qui. Alla ricerca quasi certosina di quella perfezione ancora così lontana ma consapevole di essere ormai sulla strada giusta.
Ripenso alle millemila lame del seghetto rotte per arrivare a questo risultato, e guardo quella che uso ora che cambio solo perché è talmente usurata che non taglia più.
Guardo la mia farfalla e mi dico che, si, potrei anche prendere il volo.

Ma la collana non è sola, all'inizio dell'anno infatti vi avevo preannunciato l'arrivo delle Family o degli Insiemi ovvero creazioni che hanno lo stesso comune denominatore ma che si sviluppa su diversi gioielli una parure insomma o qualcosa di più.
Così alla collana si è aggiunto il bracciale in questo stile a schiava che mi piace tanto. Comodissimo da indossare e non togliere più Una piccola farfalla dalle sfumature rosa antico, e un castone con un piccolo quarzo rosa.
gli orecchini pe…