Passa ai contenuti principali

rame, rame, rame


Voglio riportare anche qui sul blog un bellissimo articolo dedicato al rame pubblicato sul blog di Ulaola che potete visualizzare qui....l'ho già condiviso anche su FB

"Gli addetti ai lavori lo chiamano “oro rosso”, e dicono che si venda meglio dell’oro. Antenato di quasi tutti i metalli e definito insieme all’oro un metallo nobile, è ricercatissimo sul mercato. Tanto che i ladri si contendono linee telefoniche e ferroviarie. E se il vostro televisore si spegne all’improvviso e vi trovate irrimediabilmente al buio, sapete a chi attribuire le colpe.rameMa non è questo l’aspetto che interessa a noi. Perché nelle mani di Laura Sonzogni il rame non è solamente prezioso ma diviene creativo e funzionale. La sua malleabilità permette di creare sculture con linee morbide e forme geometriche. La resistenza al calore e la buona adattabilità agli agenti esterni aggiungono un aspetto adatto a farlo divenire un perfetto termo arredo.Laura SonzogniChiamare caloriferi le creazioni di Laura Sonzogni, sarebbe sbagliato e riduttivo. Si tratta di vere e proprie sculture di rame che riscaldano gli ambienti. Non solo adempiono alla loro funzione di fonti di calore, ma adornano e impreziosiscono le pareti di casa. Se in passato le decorazioni dei palazzi nobiliari contemplavano lo stucco bianco e la foglia d’oro, perché non arricchire le pareti di casa vostra con sculture-scaldanti in rame dalle linee sinuose e intriganti? rame 

Commenti

  1. materia prima molto preziosa, attenta perchè va a ruba.ciao

    RispondiElimina
  2. Beh belli sono effettivamente bellissimi questi caloriferi, ma non so se sono proprio adatti ad una casa con bambini.. o magaria anche con me.. mi sa che ustionerei appoggiandomi dopo mezzo secondo! :DDD
    Però sono proprio proprio bellissimi!

    RispondiElimina
  3. ...Grazia, me ne hai fatta scoprire una nuova, i caloriferi! E' proprio oro rosso questo "nostro" rame. Secondo me ancora molto poco conosciuto in Italia (e parlo dei gioielli), anche dal punto di vista dei "servizi": intendo, negozi dove trovarlo, dove trovare strumenti per lavorarlo, posti in cui poter portare tutti i piccoli scarti per il riciclo (ogni volta mi piange il cuore a buttare via le schegge, i pezzettini... Ciao, buon sabato!

    RispondiElimina
  4. Molto belli e originali questi caloriferi!
    Io adoro il rame! ;0)

    RispondiElimina
  5. bellissimi , mi piace il design, peccato che non possono rimanere di questo colore io adoro il rame ne suo clore roseo, ma non ho ancora trovato un prodotto che lo mantenga lucido senza essere nocivo...!!

    RispondiElimina
  6. E' senza dubbio un metallo affascinante ;-)

    RispondiElimina
  7. Ciao Grazia! Mi sono fatta un giro nei tuoi ultimi post: che bella la collana rossa! e anche l'articolo, complimenti!!!

    RispondiElimina
  8. Belle immagini, ti confesso che il rame non attirava la mia attenzione prima di vedere le tue creazioni poi mi sono dovuta ricredere.
    un bacio

    RispondiElimina
  9. wow che spettacolo!!! :)
    ti seguo passa da me se ti va :)
    Anordinarylifestylebook.blogspot.com

    RispondiElimina
  10. Bellissime immagini e pensare che il rame ho cominciato ad amarlo grazie a te!!! Ciao Elisa

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per il tuo commento ^_^
Ricordati di spuntare il flag "ricevi notifiche" così potrai vedere la mia risposta al tuo commento.

Rispondo sempre a tutti anche via mail perciò se non ricevi una mia risposta verifica di non essere un "noreply-blogger".

Grazia

Post popolari in questo blog

Tutorial - rivestire una pallina di polistirolo

A grande richiesta vi lascio il tutorial per rivestire una pallina di polistirolo, ho usato delle stoffe natalizie perchè è una tecnica che si presta molto alla creazione di addobbi per l'albero di Natale... naturalmente si possono usare stoffe di diversi colori, secondo quello che volete creare:D

Occorrente:
Forma in polistirolo (pallina, uovo, cuore ecc)
Stoffe di diversi colori
Cutter piccolo
Limetta per unghie
Pennarello a punta fine
Nastrini vari in tinta
Forbicine ben affilate

Con il pennarello a punta fine disegnate sulla pallina 8 spicchi, più è piccolo lo spicchio più sarà facile rivestirlo

Con il cutter incidete il polistirolo dove avete tracciato le linee, la profondità deve essere di circa 0,5 mm


Prendete una delle stoffe che avete scelto usandola in sbieco così risulterà più elastica e meglio lavorabile


Con la limetta per unghie inserite la stoffa nelle incisioni che avete fatto con il cutter

Con una forbicina ben affilata ritagliate la stoffa in eccedenza


Con la lim…

nuovo logo

Era da un po' di tempo che pensavo ad un cambiamento, ad un logo che fosse un logo vero, un logo mio, che mi rappresentasse. 
Ci sono cose che però vanno affidate a professionisti che ti guidano e ti consigliano nella scelta delle immagini e delle palette di colori. Ho deciso di lasciarmi guidare da Tatiana, @lagraficaleggera molto brava e disponibile, una vera professionista.
Lei ha ascoltato i miei racconti, ha preso nota di ciò che avevo in mente ed ha creato il mio logo scavando dentro di me cercando di captare il più possibile ciò che sono.
Mi piacerebbe descrivervi in modo profondo e pensato il sigificato della libellula, in realtà è solo la mia libellula, con tutte le sue imperfezioni, proprio quella della collana che qualcuno di voi ha amato e scelto per sé.
Abbiamo tenuto l'azzurro come base, il colore che da sempre accompagna MagikeMani e aggiunto il blu e l'oro. Il font è chiaro e ben definito.
Tutto è pronto, compreso il merchandising





Il nuovo logo lo vedete nell…

Giochi d'Insieme

Latitanza, questa è la parola chiave del mese di gennaio.
Latitanza, infatti Facebook mi ricorda sempre che le 2435 persone che seguono la mia pagina non hanno mie notizie da un po' di tempo.
Latitanza, perchè il mese di gennaio è quello del respiro.

Dopo un trimestre prenatalizio molto molto intenso un po' di respiro è necessario. E' necessario rallentare, raccogliere le idee, fare il planning per il nuovo anno, trovare la carica giusta per ripartire.

In realtà la mia latitanza è solamente sui social perchè per il resto non ho mai smesso di lavorare. Sto lavorando in un modo nuovo per creare qualcosa di nuovo non tanto nel singolo quanto nell'insieme e da qui il tito "Giochi d'insieme".

Ai giochi d'insieme non sono arrivata attraverso grandi studi o grandi progetti, ma, come sempre mi accade, ci sono arrivata per caso anzi mi ci sono trovata un po' dentro. Credo che succeda quando si lavora prima con il cuore e poi con tutto il resto, quando si a…