Passa ai contenuti principali

Drawing

Si...lo so...vi aspettavate il resto della collana con la foglia vero? Il problema è che abbiamo trascorso una domenica oziando tra le mura domestiche e ne ho approfittato per provare, sperimentare....
E quando un esperimento mi piace non vedo l'ora di fotografarlo per vedere se anche in foto mi fa lo stesso effetto...e siccome fotografato mi piaceva anche di più non vedevo l'ora di pubblicarlo...
Non so bene come si chiama questa tecnica, e veramente, nella mia ignoranza (inteso come persona che ignora ancora molte cose in materia ma che si sta impegnando duramente per imparare il più possibile) non so nemmeno se è una tecnica e se ha un nome, ma so che se è una tecnica Cinzia mi dirà come si chiama;)
Beh ormai sono armata del mio fido pennarello nero indelebile e guardate un po' cosa è venuto fuori...
Orecchini Drawing, si, solo un disegno...
 Sono fatti con lamina di rame disegnata, scurita e ripulita, forgiata.

Nonostante non vado pazza per lo stile ultraminimal ho preferito non aggiungere perline perchè il metallo in questi tre colori mi sembra già abbastanza completo e forma un insieme piacevole e armonico...

L'effetto indossato poi mi piace moltissimo!!!

Subito disponibili su ARTESANUM e udite udite anche su DAWANDA che finalmente ha aperto i battenti anche in Italia.

Dopo che l'avrò provato vi dirò cosa ne penso
...ma la domenica è stata lunga...non finisce qui...

Commenti

  1. Ma tu ne sai una più del diavolo, vero?

    RispondiElimina
  2. io li trovo geniali, ma non ho ben capito la tecnica..disgno, brunisco con fuoco, ripulisco, e vien fuori il
    disegno??? °_*


    notte!

    RispondiElimina
  3. L'effetto è straordinario... penso che dal vivo siano ancora più... "misteriosi".
    A presto
    Anna

    RispondiElimina
  4. Buongiorno cara,
    come primo esperimento può passare.
    ETCHING è il termine esatto.
    In italiano significa acquaforte, incisione su lastra,etc.
    DRAWING significa disegno, altra tecnica.
    Non voglio apparire saccente, ma avendo alle spalle studi artistici è il mio pane.
    Ti ringrazio della citazione

    http://cinziacrea.blogspot.it/search/label/Incisione%20casalinga

    Se le tue lettrici vogliono approfondire, questo è l'indirizzo della pagina...
    Piccola nota per Piera della soffitta.......ha postato anche lei la stessa cosa, è troppo simpatica.
    Piccola dritta per tutti, se non siete sicuri della vostra mano per disegnare...ci sono dei trasferibili in commercio che vanno benissimo come traccia.
    Chiedo scusa per la lungaggine,
    un baciotto ancora e complimenti.
    Ciao cara ale 9 mi aspetta il parruchiere.
    Baciotti

    RispondiElimina
  5. Splendidi, originali e elegantissimi! Complimenti e buona giornata.

    RispondiElimina
  6. Ciao Cinzia, sapevo che saresti arrivata in mio soccorso...

    Avevo letto della tecnica Etching con acquaforte, mi ero studiata il tuo post per benino, ma qui non ho usato acidi o simili ma solo fegato di zolfo.
    Buon parrucchiere e buona giornata

    RispondiElimina
  7. Ma che bell'idea e che splendidi colori! Sono gli stessi degli antichi vasi greci. Il contrasto fa un bellissimo effetto!
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  8. Davvero belli...come ti ho già detto su fb sei una fata dalle mani magiche...buona giornata!

    RispondiElimina
  9. uuuuh interessante**
    brava Grazia!
    Anche io sono incuriosita da questo etching... ma tutti quegli acidi mi spaventano un po' XD

    RispondiElimina
  10. Molto molto carini :) Ne scopri una al giorno :)

    RispondiElimina
  11. questi orecchini sono bellissimi!! mi piace! minimal d'effetto..10 e lode ;) bravissima!

    RispondiElimina
  12. wow! sono bellissimi!! bravissima!! baci

    RispondiElimina
  13. Continua così, questa tecnica dona moltissimo. Ora chi ti ferma piu?
    A presto Ely

    RispondiElimina
  14. altra cosa nella to do list... speciali i tuoi orecchini, mi piacciono tantissimo!

    RispondiElimina
  15. Grazia, son davvero belli... Complimenti!!! ;0)

    RispondiElimina
  16. Sono davvero fantastici, superbi! ^_^
    Posso solo dire la mia? avrei messo la monachella in rame, ma in fondo si vede poco, sono talmente belli...
    Baci baci

    RispondiElimina
  17. Ciao Grazia, questa tecnica è una patina con un prodotto chimico applicata su un disegno fatto con un mezzo che resiste all'applicazione della patina stessa. Nel tuo caso un pennarello indelebile, ma si possono usare anche cera, nastro adesivo e altre "barriere" che impediscono all'agente chimico utilizzato di agire sul metallo. Una volta eliminato il segno del pennarello rimane sotto il colore del rame non patinato. L'etching avrebbe creato un rilievo che qui non c'è. In inglese si chiama "resist patina".
    Alessia

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per il tuo commento ^_^
Ricordati di spuntare il flag "ricevi notifiche" così potrai vedere la mia risposta al tuo commento.

Rispondo sempre a tutti anche via mail perciò se non ricevi una mia risposta verifica di non essere un "noreply-blogger".

Grazia

Post popolari in questo blog

Tutorial - rivestire una pallina di polistirolo

A grande richiesta vi lascio il tutorial per rivestire una pallina di polistirolo, ho usato delle stoffe natalizie perchè è una tecnica che si presta molto alla creazione di addobbi per l'albero di Natale... naturalmente si possono usare stoffe di diversi colori, secondo quello che volete creare:D

Occorrente:
Forma in polistirolo (pallina, uovo, cuore ecc)
Stoffe di diversi colori
Cutter piccolo
Limetta per unghie
Pennarello a punta fine
Nastrini vari in tinta
Forbicine ben affilate

Con il pennarello a punta fine disegnate sulla pallina 8 spicchi, più è piccolo lo spicchio più sarà facile rivestirlo

Con il cutter incidete il polistirolo dove avete tracciato le linee, la profondità deve essere di circa 0,5 mm


Prendete una delle stoffe che avete scelto usandola in sbieco così risulterà più elastica e meglio lavorabile


Con la limetta per unghie inserite la stoffa nelle incisioni che avete fatto con il cutter

Con una forbicina ben affilata ritagliate la stoffa in eccedenza


Con la lim…

info post: acquistare componenti per bijoux

Mi capita spesso di ricevere mail di amiche che chiedono informazioni su dove acquistare componenti per creare bijoux. Sono mail che fanno sempre piacere: se la gente mi chiede informazioni vuol dire che apprezza quello che faccio e il modo in cui lo presento...ma si dai delle piccole soddisfazioni...
Questa sera vorrei parlarvi dei miei "fornitori" ufficiali per creare bijoux quelli dove io acquisto i miei componenti. Acquistare "dal vivo" perle e catene da davvero molte soddisfazioni, poter toccare con mano ed ammirare da vicino i magnifici colori delle pietre è molto gratificante, ma a volte si rendono necessari acquisti su Internet che magari sono economicamente più vantaggiosi ed offrono una scelta maggiore e poi gli acquisti su Internet si rendono necessari se si ha la sfortuna  fortuna di abitare fuori dai grandi centri urbani.
Sicuramente ce ne sono molti su Internet, magari anche migliori di quelli che vi elenco sotto, ma questi sono quelli che preferisco,…

infopost - spedire online

Prendo spunto da una discussione nata oggi su Facebook per parlarvi di una cosa che sta molto a cuore di chi spedisce le proprie creazioni (e non solo) online.



E' compito di chi spedisce trovare soluzioni che offrono la migliore garanzia nel rapporto/qualità prezzo.
E' compito di chi acquista lasciarsi guidare nella scelta della spedizione migliore. La posta prioritaria costa meno (non poco, meno) ma sappiamo che non dà nessuna tracciatura.

Si sa, le spese di spedizione, incidono parecchio sul costo finale dell'acquisto ma purtroppo non ne possiamo fare a meno. Come scegliere allora quella più adatta alle nostre esigenze?

Se spedite oggetti piccoli (vedi bigiotteria) o oggetti leggeri potete affidarvi alle Poste Italiane. Non prendo in considerazione la posta prioritaria, anche se devo dire che, per quanto mi riguarda è sempre arrivato tutto a destinazione e  integro
Molto affidabile è invece la raccomandata 1 se spedite la mattina  arriva a destino il giorno dopo (due gi…