lunedì 23 febbraio 2015

La storia dell'anello

Come promesso vi racconto la storia dell'anello ovvero una storia lunga 23 anni, una storia  che coincide con il nostro viaggio di nozze.
Era il lontano 1992 il nostro viaggio di nozze a Tenerife, meta, in quegli anni, di tutti coloro che non potevano permettersi costosissimi viaggi oltreoceano. Felici e beati...del resto in viaggio di nozze a 25 anni neache compiuti, come avremmo potuto essere?
Insomma nel nostro peregrinare per l'isola alla scoperta di autentiche meraviglie della natura ci siamo imbattuti  ne "La casa de los balcones" una costruzione tipica situata nel nord di Tenerife. In una stanza all'interno vendevano pietre e gioielli in olivina.
L'olivina è un minerale che si trova vicino a siti vulcanici, meglio conosciuta come peridoto. Il colore di questa pietra mi piace moltissimo così ne abbiamo acquistata una piccola piccola.
 L'idea era quella di tornar a casa e farla incastonare, ma si sa che tra l'idea, il dire e il fare..... Morale il piccolo cristallo è stato rinchiuso nel cassetto di "qualsiasicosanonsodovemetterelamettoqui" (cassetto dei ricordi) fino  a quando due settimane fa, nella mia attuale malattia incastonatrice, mi è tornata in mente.
Così ho creato questo minuscolo castone, ed attorno ho creato l'anello.

Felice, fiera, soddifatta, ecc, ecc,


Filo di rame martellato e modellato a mano,

castone fatto a mano

pietra olivina (peridoto)

mio ^_^

Buona settimana
Grazia


venerdì 20 febbraio 2015

orecchini fatti a mano

orecchini in rame e bottoncini Buttomad


totalmente fatti a mano


e domani corso sulla sadatura anzi sarebbe meglio dire brasatura :)

Per info sui corsi contattatemi

Buona domenica

martedì 17 febbraio 2015

Cold connections

Mi ricordo di un libro letto da ragazzina, credo che fosse L'amicizia di Alberoni che diceva che la nostra vita è come un sogno, a volte però succedono delle cose che ci risvegliano e ci riportano bruscamente e temporaneamente alla realtà...  ci sono dei giorni difficili, dove succedono delle cose troppo grandi, dei giorni in cui qualsiasi cosa sembra inutile e banale.

E' difficile che io non sappia cosa scrivere...cercherò di concentrarmi sulla creazione.
Una creazione che mi piace moltissimo, la prima che ho fatto nel suo genere ma che sicuramente non sarà l'ultima.

Tutto nasce da una fettina di agata (così la chiamo io) trovata nel "cestino dei minerali" di Celine (Mani di Perla) da li l'idea di creare un ciondolo con cold connections ovvero connessioni a freddo, senza brasatura, saldante e saldatura ma andando solamente a creare delle graffette che sostengono la pietra.


Anche perchè la pietra è troppo bella nella sua interezza compresi i bordi frastagliati e sarebbe un vero peccato nasconderli.

Quindi dicevamo fettina di agata su lamina di rame

due barrette di alluminio fanno da links tra il ciondolo e il resto del girocollo, uniti da due fili che si aggrappano (wire wrapping) alla barretta e che ad una estremità hanno la pallina rossa...

Il resto sono bellissime ametiste trasparenti infilate su cavetto d'acciaio.

Ed una chiusura a T con il filo che forma un nodo

e il retro si presenta così, libero per dar luce alla pietra. Naturalmente serve un seghetto da traforo



Per info, costi e foto indossata potete visitare le vetrine online   ALM


giovedì 12 febbraio 2015

Last minute - collana con ciondolo a fiore

Si dice che il calzolaio va con le scarpe rotte.... che il falegname sta con le porte scricchiolanti.... e io sono arrivata la sera prima di una cerimonia importante con tutto l'outfit a posto, tranne...la collana!!!
Cioè no, ma vi sembra possibile? Ormai è una questione di principio (o di immagine o di marketing) ma la gente che sa ciò che faccio nota  in me prima di tutto ciò che ho al collo e alle orecchie. Mica posso avere tutto a posto e non avere una collana.
Così sabato sera all'alba delle 23,00 ho preso pinze e filo e mi sono messa ad assemblare.
Si in realtà il ciondolo era pronto da un po' e l'idea su come la collana doveva essere era ben chiara nella mia mente, ma vedendo le foto vi accorgerete che anche l'assemblaggio ha richiesto il suo tempo.

Collana Last minute

La parte principale della collana è sicuramente il ciondolo a fiore, creato con filo di rame . I petali sono saldati uno ad uno al centro.

Il pistillo del fiore è formato da un piccolo castone che accoglie un cabochon di pietra di luna chiamata anche labradorite bianca

Quindi sono ben nove saldature... paura davvero prima di cominciare, un lavoro lungo e impegnativo, ma davvero tanto soddisfacente.

La catenina monta delle piccolissime pietre di labradorite, assemblate a "rosario" con nodini ad orefice e si alternano con una bella catena in metallo argentato.

Questa è per me, ma se vi piace si può anche rifare :)

Indossabile così


o così

Buona serata
Grazia

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...