mercoledì 28 gennaio 2015

Occhi di labradorite - orecchini Eyes

Questa sera mi sento di dispensare consigli...già consigli a quelle persone che in un modo o nell'altro vogliono cominciare a rapportarsi con i metalli. Sono consigli pratici, dettati solo dalla mia piccola esperienza, ma consigli molto utili per evitare solenni delusioni.
Come ormai sapete, ho  imparato da autodidatta, no anzi, come dico sempre io, da "diversamente imparata", si perchè dichiararsi autodidatti oggi con un pc ed una connessione aperta sul mondo, insomma, non è proprio corretto.
Diciamo che la mia "formazione" è dovuta  alla mia caparbietà ed alla voglia di imparare, di ascoltare consigli, di leggere tra le righe e tra le immagini e grazie all'aiuto di chi, ha voluto condividere pubblicamente,  o quasi, il suo sapere.
Quando comincio un corso dico sempre, che la prima cosa che serve, oltre alla curiosità ed alla voglia di imparare, è la pazienza. Il corso serve per gettare le basi, per spiegare una specifica tecnica e i suoi vari passaggi, ma poi tutto il lavoro deve essere fatto a casa, armandosi appunto di pazienza, provando e riprovando, cercando ogni volta di capire e migliorare i vari passaggi, cercando di conoscere ed ascoltare il pezzo che si ha tra le mani.

Si perchè a volte leggo commenti di persone che dicono di aver appena cominciato a lavorare il  rame e magari si vogliono cimentare con una bella saldatura....
Ora forse io sono un po' "de coccio" e ci sta, ma insomma...le saldature sono una cosa difficile, richiedono tempo....le cose da imparare prima sono tante, tante, tante...
E una delle cose più belle è proprio gustarsi ogni passaggio....lentamente, apprendere e fare proprie le varie tecniche.

Io sto provando la saldatura da almeno....6 mesi o più..beh la strada è ancora lunghissima...ci sono delle cose afferrate ma ancora tanto da imparare....

Sto lavorando a questo, e ci lavorerò finchè  il risultato non sia più dovuto alla semplice casualità,

Orecchini Eyes


creati con filo di rame saldato in  forma "cashmire"

al centro due piccoli "occhi" di labradorite, dai riflessi sempre meravigliosi, incastonati in un piccolo "bezel"

Un'operazione che deve essere perfetta e giusta al millimetro....

li trovate già disponibili con tutte le info e le foto indossata nel mio negozio online

Ciao Grazia




domenica 25 gennaio 2015

paesaggio invernale - Treelife

Ebbene si ce l'ho fatta, finalmente ho un sito....molto, molto professional...
No tranquilli qui non cambia nulla ma per arrivare qui basterà digitare:

www.magikemani.com

era un po' che ci pensavo ma sono quelle cose a cui si pensa come cose da fare ma che vengono sempre lasciate li, appunto nelle cose da fare. Ma è anche vero che basta poco per decidere, si fa  davvero tutto  in pochi click e ringrazio la Vale che, anche se inconsciamente mi ha dato il via e fatto decidere :)

La prima creatura che vi voglio quindi mostrare dal "sito" magikemani.com è una creazione un po' diversa, se non altro per il colore del rame che questa volta ho scelto di non patinare. Certo sappiamo tutti che non è una soluzione definitiva, ma i trattamenti che ho riservato a questa collana dovrebbero ritardare l'ossidazione più a lungo.


Il ciondolo è embossato meccanicamente con la big sizzix, il paesaggio che ho voluto ricreare è un paesaggio invernale e l'utilizzo di questa patina argentata rende molto bene l'idea. 

La perlina al ciondolo è una bella giada invece le perline sul resto della collana sono agate color ghiaccio con delle belle striature nere. La particolarità è che sono tutte diverse.

Sul retro del collo un cordino scamosciato, l'ideale per chi non sopporta i metalli a contatto con la pelle. 


La collana la trovate subito disponibile su ALM oppure in esposizione fino a sabato 31 gennaio presso lo spazio ART MARGINEM in via Tobagi a Milano.

Buona settimana
Grazia

giovedì 22 gennaio 2015

Ritrovare...ritrovarsi...

A volte imparare, imparare troppo, è rischioso, si perché si rischia di perdere la strada, trovarsi smarriti, non capire più bene dove si sta andando e dove si vuole arrivare.
Il provare tecniche diverse, lo sperimentare un po' a senso unico rischia di farci perdere la strada, come trovare persone che, anche inconsciamente, ti portano su altri sentieri.
Ma il mio obiettivo resta ben chiaro nella mia mente, mi piace creare gioielli che abbiano un cuore, un'anima e che esulino da quelli che sono gioielli di valore che sono un'altra cosa, che non mi piacciono e non mi emozionano.
 Si  perché mentre un ciondolo di rame con una patina azzurra mi fa come dire..."battere il cuore" uno di brillanti non mi fa né caldo né freddo.
E allora,  si,  imparare tecniche che sono alla base dell'oreficeria, per migliorare, per migliorarsi, per dare qualcosa che sia sempre meglio, ma queste devono servire solamente come strumento per continuare a fare ciò che mi piace: continuerò ad usare metodi poco ortodossi, continuerò a usare materiali che a qualcuno potrebbero far rizzare i capelli sulla testa, continuerò a fare saldature che "sbavano" e creano sul rame una texture molto materica che mi piace un sacco....

...continuerò così perchè è questo che mi piace fare....

e continuerò a fare patine con quello che mi pare, anche con il pennarello Uniposca argentato che crea questo bellissimo effetto...

Collana Bouquet


Lamina di rame incisa ad acido "al contrario", ripulita, patinata e leggermente scartavetrata per evidenziare le bellissime sfumature del rame. 
Cipolline e piccole perle di labradorite, tubicini in metallo argentato, gentile omaggio di Perles&Co.,

La solita chiusura ad amo,  la solita bollatina, e la solita pallina penzolante sulla catenina che rende la misura regolabile
Effetto indossato

La signora che l'ha acquistata la teneva tra le mani come se fosse un gioiello raro e antico... so che è in buone mani ^_^



lunedì 12 gennaio 2015

le nuove perle

Alzi la mano chi non ha tra i suoi gioielli una collana di perle. Che sia di valore o semplice bigiotteria il "filo di perle" non può mancare, capita sempre l'occasione per indossarlo.
Ci dona eleganza, senza mai strafare, ci fa sentire "a posto" sia che indossiamo dei jeans o il nostro tubino nero.
Io ne avevo trovato uno perfino dentro un uovo di Pasqua, un bellissimo uovo vinto ad una lotteria. Ultimamente però indossare il filo di perle mi da la sensazione di un po'...come dire.... antico così ho pensato di trovare un modo diverso di indossare le perle, di trasformare in qualcosa di giovane, fresco e attuale.
Così ho pensato a questo girocollo:



Rame e perle ovvero un matrimonio perfetto.

Perle di fiume color avorio infilate sul retro del collo su un cavetto d'acciaio.

Sul davanti un filo di rame da 3 mm che forma un girocollo rigido.

Sul lato una chiusura ad amo

E il ciondolo formato da due forme volutamente irregolari, saldate tra di loro e al centro una perla avorio.

E questa volta ho fatto anche orecchini e bracciale.


Potrete acquistare tutti e tre i pezzi presso la mostra Art-Marginem 13 o nella vetrina online Alittlemarket.com (tra qualche giorno) dove potrete ammirare anche la foto indossata :)

Buona settimana
Grazia




LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...